Foto gallery  Calendario eventi

 cristoforoCOMUNE DI SAN CRISTOFORO

Via Irmo Ferrari 16/C
15060 San Cristoforo (AL)
tel. 0143 682120 - xax. 0143 682260
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.comune.sancristoforo.al.it

altitudine sul livello del mare m. 301

Vedi il paese sulla mappa di Google

Le origini del paese sono antichissime e risalgono all’epoca romano-augustea.
Situato su una importante via di comunicazione che portava all'antica città di Libarna, il borgo sorse intorno ad un torrione di avvistamento (Torre del Gazzolo, tuttora esistente ed inglobata nel castello) che serviva a segnalare coi fuochi gli sbarchi dei Saraceni, in collegamento con le torri di Parodi, Albarola e Monte Colma.
Fondamentale via di collegamento tra zona alpina e di riviera, il borgo fu sottoposto a continue scorrerie e ad alterne occupazioni. L’importanza strategica e commerciale dell’insediamento di San Cristoforo portò, nel X sec., a cintarlo di mura, con porta castellana, fossati e bastioni che inglobarono l’alta e solida torre a poligono irregolare, tuttora esistente.
La zona appartenne agli Obertenghi, Marchesi di Parodi. Tra il XVII e il XVIII sec. passò dagli Spinola ai Doria di Montaldeo e rimase feudo imperiale fino al 1736, anno in cui, in virtù del Trattato di Vienna, diventò parte del Regno di Sardegna. Nel XVIII fu nuovamente assediato dalle truppe francesi ed austriache e passò per eredità, nel 1792, alla proprietà dei De Fornari.
La principale attività è la coltura della vite e la produzione di vini Doc e Docg.

Il Castello Spinola, costruito nel Medioevo su una preesistente torre di avvistamento di epoca romana conosciuta come “Torre del Gazzolo”,  doveva servire come collegamento per le segnalazioni inviate dal mare attraverso l’Appennino fino alla Pianura Padana. La sua peculiarità è la pianta poligonale. Secondo la leggenda, Napoleone dormì in questo castello durante la Campagna d’Italia, dimenticandovi il cappello. Adiacenti al maniero 2 edifici del XV sec.: sul lato ovest la “casa lunga”, sul lato est la foresteria.
La Parrocchiale, dedicata a S. Cristoforo, fu edificata nel XVI sec. ma l’attuale connotazione è ottocentesca: a navata unica, conserva dipinti interessanti e pregevoli crocifissi. Sul territorio vi sono cappelle campestri, dedicate al culto mariano e, vicino al cimitero, la chiesa dell’Annunziata, in tardo stile barocco, conserva statue e tele di un certo pregio.

Manifestazioni ricorrenti:
Luglio: Sagra degli Anloti foci a man